fbpx
counseling

Strumenti dalla mia cassetta degli attrezzi: il Coaching Game

By 23 Aprile 2019 No Comments

Ho pensato che per aiutarti a capire come lavoro potesse essere interessante farti conoscere i principali strumenti che utilizzo durante le mie consulenze. Inizio da quello che più mi ha rapito il cuore e cioè il Coaching Game di Points of You, un gioco che non è un semplice gioco.

Cosa è

Points of You è un mazzo formato da 65 carte, ognuna recante un’immagine e una parola che rappresentano un tema fra quelli che tutti noi ci troviamo ad affrontare nel corso della nostra vita (ad esempio Opportunità, Successo, Pausa, Allineamento ecc.). Il gioco è completato da un libro, da uno schema con 4 processi di gioco e da un notes che viene utilizzato per scrivere il focus e i primi tre step da realizzare.

Il Coaching Game è stato ideato e creato da Yaron Golan ed Efrat Shani, due coach israeliani che hanno voluto mettere a punto uno strumento che favorisce e incoraggia l’andare incontro a noi stessi e agli altri, il fermarsi un attimo a porsi domande e a riflettere sulle risposte per modificare la propria prospettiva.

Come funziona

Il processo si sviluppa in 4 momenti:

  • pausa: è il momento in cui ti fermi, respiri, ti guardi dentro e scegli il tema su cui vuoi lavorare, una questione che ti sta a cuore, qualcosa a cui vorresti guardare in profondità e che può riguardare una qualunque delle aree della tua vita (carriera, famiglia, relazioni, realizzazione personale, amici…);
  • scelta: prendi il mazzo, lo mischi e scegli una o più carte, pensando al tema che hai individuato e scegliendo le carte d’istinto;
  • espansione: qui inizia il lavoro vero! In questa fase osservi la carta iniziando dall’immagine e dicendo a voce alta tutto ciò che ti viene in mente, le sensazioni, le associazioni. Se occorre, ti faccio delle domande che ti aiutino, ma di solito cerco di lasciarti parlare a ruota libera il più possibile.
  • focus e azione: è il momento in cui colleghi tutto ciò che è emerso nell’espansione alla questione che avevi scelto all’inizio cercando di cogliere le intuizioni che possono aiutarti. Poi, siccome è importante riflettere, ma ancora di più è importante agire, individuiamo insieme i primi tre passi che puoi compiere verso il tuo obiettivo.

Perchè funziona

Il Coaching Game favorisce l’interazione tra l’emisfero destro, la metà intuitiva ed emotiva del nostro cervello, e il sinistro, la parte logica e analitica.  Guardando sia un’immagine che una parola, andiamo a stimolare simultaneamente i due emisferi. Questo provoca una specie di cortocircuito nel nostro sistema di controllo del “come dovrebbe essere” e consente ad altri punti di vista di prendere forma nella nostra mente.

Il gioco è basato sui collegamenti associativi tra la fotografia, il tema e la questione che abbiamo scelto e va a creare un movimento interiore di emozioni e pensieri nuovi per la nostra mente.

Utilizzando le carte esploriamo nuovi punti di vista per ampliare le nostre possibilità di scelta su aspetti di noi o situazioni su cui vogliamo fare chiarezza o cercare una risposta.

In conclusione, utilizziamo il Coaching Game per:

  • definire gli obiettivi
  • identificare e superare gli ostacoli
  • scoprire le proprie risorse e sfruttarle
  • sviluppare nuovi punti di vista per avere più possibilità di scelta
  • dare un senso profondo a ciò che ci sta accadendo
  • conoscersi giocando

Se sei curiosa e ti piacerebbe provare questo gioco, sappi che ho ideato Punti di Vista, un servizio interamente basato sul Coaching Game di Points of You.

 

Io sono Facilitatore livello Practitioner del metodo.

Qui trovi il sito in inglese e qui quello italiano da cui ho tratto alcune delle informazioni contenute nell’articolo.

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.