fbpx
Gomitoli

I gomitoli: la nuova frontiera della lotta allo stress

By 10 Gennaio 2017 No Comments

Spesso, guardando gomitoli, ferri e uncinetti, viene da pensare alle nostre nonne e ad un’epoca ormai tramontata. Numerose ricerche scientifiche, invece, stanno rivalutando l’importanza dei lavori all’uncinetto o ai ferri per la nostra salute fisica e mentale. 

Come funziona?

Il lavoro a maglia o all’uncinetto è un’attività che ci obbliga a pensare di continuo: che tipo di filato serve, quali punti utilizzare, lo schema o il modello da seguire… Questo stimola le nostre connessioni neurologiche e le mantiene attive svolgendo un importante lavoro di prevenzione contro l’invecchiamento. Quella che viene attivata è l’area motoria del cervello, cioè quella sensitiva, auditiva, visiva e del linguaggio.

Mentre lavoriamo le nostre mani e le nostre braccia rimangono sempre in movimento, tocchiamo i gomitoli, saggiamo la consistenza del filato, scegliamo i colori, mettendo in movimento la parte del cervello destinata a pianificare e immaginare.

Benefici

Vediamoli sinteticamente:

  • Relax: la ripetizione dei punti e dei movimenti produce una sensazione di rilassamento che è stata valutata simile a quella data dalla pratica dello yoga.
  • Evasione dai problemi: la concentrazione richiesta per realizzare il progetto a cui stiamo lavorando ci fa escludere dalla mente i problemi quotidiani, aiutandoci a ritrovare la calma.
  • Buonumore: aumentiamo i neurotrasmettitori della felicità come la serotonina e abbassiamo i livelli di stress.
  • Autostima: il creare un oggetto con le proprie mani dona un enorme senso di soddisfazione e accresce la fiducia nelle proprie capacità. Inoltre ci procura l’ammirazione di chi ci circonda che apprezza il risultato del nostro lavoro, contribuendo a rinforzare la nostra autostima.
  • Perseveranza: il lavoro a maglia ci insegna a fare e disfare fino ad ottenere il risultato desiderato, ci insegna che si può sbagliare e rimediare.
  • Creatività: e che ve lo dico a fare? 😀 E’ chiaro che decidere quali colori usare, il modello, i punti, l’oggetto, le variazioni rispetto a qualcosa che ci ha ispirato fa fare un’ottima ginnastica al nostro senso creativo, accrescendolo e rendendolo facilmente accessibile anche in altre situazioni della nostra vita.
  • Economia: ultimo, ma non per questo meno importante effetto collaterale del perdersi fra gomitoli e uncinetti è che spesso si riesce a risparmiare: andando a comprare i filati nei mercatini o cercando offerte speciali e riutilizzando ciò che è rimasto dai lavori precedenti si riescono a creare tanti oggetti belli ed originali spendendo veramente poco. Possiamo usarli noi oppure regalarli alle persone a cui vogliamo bene: l’handmade è comunque prezioso perchè è unico e creato su misura per il destinatario.

Dunque, vi è venuta un po’ di voglia di sferruzzare? se da bambini avevate imparato, riprovate e vedrete che ritroverete subito i gesti memorizzati quando eravate piccoli. Se invece non avete mai imparato e vi piacerebbe farlo o volete fare un ripasso generale, contattatemi e comunque tenetemi d’occhio! (spolier: presto arriverà una piccola guida sull’ABC del lavoro all’uncinetto. Shhhhhhh! non lo dite a nessuno eh?! 😉 ).

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.