fbpx
BenessereYoga della Risata

I 5 segreti della Risata Incondizionata – cap. 2

By 24 Gennaio 2017 No Comments

Nell’articolo precedente (che trovi qui) ti ho parlato del primo “segreto” della Risata Incondizionata e cioè: “non serve l’umorismo per ridere“. Ti ho spiegato cosa è l’umorismo, perchè la risata che ne deriva è condizionata e la differenza con ciò che facciamo alle sessioni di Yoga della Risata. Adesso è il momento di passare al segreto n. 2. 

Segreto n. 2: il movimento crea l’emozione corrispondente

Esiste un forte legame tra la mente e il corpo: quello che succede a livello mentale si ripercuote anche a livello fisico e viceversa. Se, ad esempio, osservate una persona triste vi accorgete che anche il suo corpo lo è: ha le spalle curve, lo sguardo basso, gli angoli della bocca piegati all’ingiù, parla lentamente e compie movimenti lenti e svogliati.

Ma ecco il segreto: “motion creates emotion”, il movimento crea l’emozione corrispondente. Ciò significa che andando a lavorare sul corpo, assumendo quelle che sono le caratteristiche tipiche di una persona felice (spalle aperte, sguardo alto, viso sorridente…) accade che la mente segue il movimento  e attiva la produzione del Joy Cocktail, cioè dell’insieme di sostanze come endorfine e serotonina che crea benessere ed allontana la tristezza.

In altre parole, per usare una frase che sentiamo spesso nel mondo dello Yoga della Risata: non rido perchè sono felice, sono felice perchè rido!

E’ stato infatti osservato questo fenomeno: se un attore recita per lungo tempo in un ruolo tragico, si intristisce anche nella vita reale. Questa finzione quindi influenza l’attore e lo fa assomigliare a ciò che recita.

Questo principio viene utilizzato in positivo durante le nostre sessioni. Si inizia a ridere come se fosse un esercizio fisico, magari simulando la risata, manteniamo il contatto visivo con gli altri componenti del gruppo e piano piano ci troviamo a ridere per davvero, con le lacrime agli occhi e il nostro umore è cambiato!

La risata ci rende felici e se siamo felici ridiamo di più, in un circolo virtuoso che ci porta a migliorare la qualità della nostra vita. Te lo immaginavi che uno strumento così semplice potesse essere così potente?

Dunque, se sei curiosa di sapere di più, l’appuntamento è con il prossimo post in cui ti svelerò il terzo segreto ridente e cioè (rullo di tamburi….): puoi ridere anche se non sei felice.

P.S.: se trovi interessanti questi articoli, condividili pure: mi aiuterai a diffondere la Risata Incondizionata!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.